Oleg Caetani

Direttore d’orchestra

Cosiderato uno dei più grandi direttori della sua generazione, sia nel repertorio sinfonico che in quello operistico. Nel corso della sua carriera ha diretto in tutto il mondo dal Teatro alla Scala di Milano al
Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, dalla Royal Opera House di Londra all'Opera House di San Francisco, dal Musikverein di Vienna al Lincoln Center di New York, dalla Suntory Hall di Tokyo alla Sydney Opera House,
dall'Accademia di Santa Cecilia a Roma alla Staatskapelle di Dresda, dai Muenchner Philharmoniker all'Orchestra del Mozarteum, dall'Orchestra Sinfonica Svetlanov all'Orchestra Yomiuri, dalla Syndey
Symphony all'Orchestra Sinfonica di Montreal lavorando con alcuni dei più grandi solisti come Marta Argerich, Sviatoslav Richter, Danil Trifonov, Vadim Repin, Misha Maiisky, Gautier Capucon, Viktoria Mullova,
Emmanuele Pahud e molti altri ancora.
Caetani considera Nadia Boulanger la fonte ispiratrice della sua carriera che dopo aver scoperto il suo talento, l'ha iniziato allo studio della musica e gli ha trasmesso il suo approccio filosofico alla vita, legato a Montaigne,
che tutt’oggi lo caratterizza. Al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ha frequentato la classe di direzione d'orchestra di Franco Ferrara e ha studiato composizione con Irma Ravinale. All'età di 17 anni ha debuttato come direttore in una sua
produzione (da lui ideata) de Il combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi e altri madrigali. Dopo aver studiato tutte le Sinfonie di Shostakovich con Kiril Kondrashin al Conservatorio di Mosca, si è
diplomato con Ilya Mussin al Conservatorio di San Pietroburgo. Vincitore del concorso RAI di Torino e del Concorso Karajan a Berlino, ha iniziato la sua carriera all'Opera di Stato di Berlino "Unter den Linden" come
assistente di Otmar Suitner.
La profonda esperienza di Caetani, che ormai conta ben quaranta anni di carriera, in particolar modo nel repertorio operistico di Verdi, Puccini, Mussorgsky e Wagner (incluse diverse produzioni de "Ring" di Wagner)
ha influenzato il suo approccio interpretativo nell'ambito del XX secolo. Nel 2005 Oleg è stato Designate Music Director all'ENO, dal 2002 al 2005 è stato Designate Music Director
della Melbourne Symphony Orchestra e dal 2005 al 2009 direttore musicale e direttore artistico della stessa orchestra. Negli anni precedenti Caetani è stato direttore principale della Staatskapelle Weimar, Primo
kapellmeister dell'Opera di Francoforte e GMD a Wiesbaden e a Chemnitz.
Dall’anno 1999 Caetani ha portato avanti un rapporto particolarmente stretto con LaVerdi di Milano e con quest’ultima ha anche partecipato ad una serie di tournée in Sud America (2003), Spagna (2009) e Salisburgo
(2016 - Schumann Symphonic Cycle). Nell'aprile 2008 ha diretto La Verdi in un concerto offerto dal Presidente della Repubblica Italiana a Papa Benedetto XVI in Sala Nervi e trasmesso in diretta Eurovision TV.
La musica di Shostakovich ha sempre costituito un ruolo centrale nel suo repertorio. Caetani ha tradotto il libretto de Il Naso dal russo al tedesco per la sua produzione a Francoforte nel 1991; ha diretto la prima
italiana dell'operetta "Mosca Cheriomushki" nel 2007 e ha diretto in molti paesi diversi prime di opere, concerti, balletti e suites di Shostakovich; infine ha anche registrato l'unico ciclo completo di sinfonie di
Shostakovich con LaVerdi di Milano mai registrato in Italia fino ad adesso. I CD hanno vinto diversi premi 10/10 da Classical Today in USA, ffff Télérama in Francia e Record Geijutsu in Giappone.
Le sue registrazioni delle Sinfonie complete di Alexander Tasman, pubblicato da Chandos, hanno vinto tre Diapason d'Or nel 2006 e nel 2008; le sue Sinfonie complete di Charles Gounod per CPO (inclusa la 3a Sinfonia
scoperta da Caetani stesso) hanno anche vinto un Diapason D'or a gennaio 2015. Nel 2001 ha debuttato alla Scala di Milano con Turandot, tornando in seguito nel 2005 per dirigere Otello.
Ha aperto la stagione 2001 del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Don Pasquale. Recenti impegni includono Khovanchina, Sir John In Love di Vaughan Williams, Madama Butterfly, Boheme e
Tosca presso l’English National Opera, The Flying Dutchman al Teatro dell'Opera di Roma, L'enfant et les sortilèges al Théâtre des Champs-Élysées di Parigi, La Voix Humaine assieme a Il castello di Barbablù, Don
Carlos a Colonia, Madama Butterfly a Berlino e Oslo, Tosca alla Royal Opera House di Londra, Lady Macbeth di Mzensk all'Opera di Oslo, Tosca all'Opera di San Paolo , Tosca e Turandot al Mariinsky Opera House, Il
Prigioniero di Dallapiccola e Norma di Bellini con l'Orchestra Mariinsky durante il Festival Stars of the White Nights a San Pietroburgo, Lady Macbeth di Mzensk a Helsinki, Les Pecheurs des Perles e Così fan tutte a
Trieste e Otello a Weimar. Dirige regolarmente orchestre come Staatskapelle Dresden, Munich Philharmonic, Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Gewandhausorchester, Wiener Symphoniker (con cui ha registrato "Poliuto" di
Donizetti per Emi-Cbs), Bamberger Symphoniker, Orchestre National de Radio France, Mozarteum Orchester, Konzerthaus Orchester Berlin, Orchestra Nazionale della Rai, l'Accademia di Santa Cecilia, Maggio Musicale
Fiorentino, Orchestra del Teatro Verdi di Trieste, Orchestre Philharmonique de Montecarlo, Svetlanov Symphony Orchestra, Spanish National Symphony Orchestra, Hong Kong Philharmonic, Metropolitan
Symphony Orchestra , Sydney Symphony, Orchestra Yomiuri, Orchestra Sinfonica Tchaikovsky, Orchestra Sinfonica di Taipei, Berner Symphonieorchester, Orchestra Philharmonique di Strasburgo, Orchestra
Sinfonica del Qatar, Orchestra Sinfonica di Montreal, Shenzhen Symphony Orchestra, l'Orchestre Philharmonique de Nice e molte altre ancora.
I prossimi impegni lo vedranno protagonista alla direzione dell’Orchestra Sinfonica del Teatro alla Scala di Milano (“Woolf Works”, Max Richter), la London Philharmonic Orchestra, la Luzern Symphony Orchestra,
LaVerdi Orchestra in Milan etc.