BRITTEN, ZEMLINSKY E SMETANA
Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Stagione Sinfonica
Abbonamenti
D
E
F
G
H
I
Programma
Bedřich Smetana "La Moldava" da "Má vlast" (La mia patria)
Benjamin Britten "Four Sea Interludes" (Quattro interludi marini) da "Peter Grimes"
Alexandr Zemlinsky "Die Seejungfrau" (La Sirenetta)

Dopo aver cantato la poesia delle foreste, l’Orchestra Verdi si rivolge ora alla natura liquida e alle sue molteplici raffigurazioni: acqua come simbolo di una nazione e della sua cultura, acqua come custode di memorie e di dolori, acqua come universo fiabesco abitato da magiche creature. Wayne Marshall torna a Milano per guidarci attraverso i mari e i fiumi della musica europea in un’antologia di capolavori sinfonici che nell’acqua hanno trovato la loro fonte di ispirazione.


CONFERENZA PRIMA DEL CONCERTO

Auditorium di Milano - Foyer della balconata 
venerdì 26 ottobre 2018 ore 18.00 Ingresso libero

In collaborazione con Università Cattolica del Sacro Cuore

Miti musicali del fiume e del mare

Relatore: Enrico Reggiani
Un musicista ceco (Smetana, 1824-84) e il suo poema sinfonico concepito in una più ampia cornice compositiva per celebrare fluvialmente la propria identità nazionale. Uno austriaco (Zemlinsky, 1871-1942) che dedica una Fantasia per orchestra a un mito marino senza luogo e senza tempo, rielaborando l'intenzione originaria del danese Hans Christian Andersen. Quattro interludi marini che un compositore inglese (Britten, 1913-76) colloca in un'opera, ambientata sulla costa del Suffolk, che ritrae il conflitto tra l'individuo e la ("pazza", avrebbe detto lo scrittore Thomas Hardy) folla. Intenzioni, linguaggi, forme differenti che l'ascolto può cogliere, comparare e valorizzare.

Interpreti
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Altri eventi

4 Novembre QUINTETTO DI OTTONI DE laVerdi
Ensemble Quintetto di Ottoni de laVerdi
9 Dicembre CORO SINFONICO DI MILANO GIUSEPPE VERDI
Maestro del Coro Erina Gambarini